Oldtimesro.net

Oldtimesro.net

Pendenza scarico lavatrice

Posted on Author Mazukasa Posted in Rete

  1. Discussioni simili
  2. Le misure dello scarico lavatrice e del tubo dell’acqua
  3. Spostare gli scarichi: tutte le cose che devi sapere

Il percorso orizzontale del tubo di. -Essendo lo spessore di 8 cm, usando loro un tubo del 40 (immagino 4 cm di diametro) per lo scarico, e necessitando di MINIMO 1 cm al metro. oldtimesro.net › topic › oldtimesro.net-da-te. Dovendo spostare la lavatrice a circa 12 metri dagli scarichi con tubo incassato nel muro senza curve, di quanta pendenza necessito e di che.

Nome: pendenza scarico lavatrice
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 46.70 Megabytes

Dalla planimetria sottostante è possibile notare la collocazione del vaso, del bidet o vasca , del lavabo, del piatto doccia ed è inoltre visibile, incassettato in muratura di forati dello spessore di cm 5, murati a malta bastarda , il tubo del diametro del in PVC maggiorato colore arancione che conduce in basso alla fognatura nera stradale, ed in alto sul tetto, dove servirà come sfiato per i maleodori, che altrimenti uscirebbereo dai vari apparecchi sanitari.

CLIC Nella sezione sottostante avete una visione completa, sia pur disegnata, delle curve, della braca e del pezzo speciale con i raccordi laterali da 40 mm, ai quali si attaccheranno gli scarichi del lavabo, del bidet e della doccia, Sopra la parte diritta della braca, del diametro del , verrà innestato il vaso in porcellana. CLIC Più sotto ancora, notate le fotografie di un bagno in una casa da ristrutturare, e specie nella prima foto è possibile vedere la braca, il pezzo speciale sotto la braca in grigio e le varie curve.

Relativamente al tubo di scarico del vaso, in detta foto è del tipo a muro, quindi si è dovuto montare un vaso con lo scarico a parete.

Comunque, nella nostra casa non abbiamo questo problema. Proseguendo, nel disegno della pianta sottostante, sono indicati in rosso i percorsi dei nostri scarichi: come vedete quelli del bidet e del lavabo sono incassati nel muro, mentre quello della doccia corre sul solaio.

Discussioni simili

Comunque il sanitrit produce dei rumori sugli scarichi, è inutile farsi illusioni a riguardo. D'altra parte anche i bagni "normali" fanno rumore, non c'è nulla da fare :- potreste, comunque, valutare l'impiego di tubazioni specifiche antirumore le produce la geberit ma anche altri che tuttavia, per esperienza diretta, non eliminano il rumore ma lo riducono di una modesta percentuale. Pur non essendo necessariamente una cosa negativa, considerate che una volta terminato il lavoro della pompa, nel tratto verticale rimarrà comunque del liquame fermo, che verrà espulso alla scarica successiva: il sanitrit è infatti dotato di una valvola di non-ritorno che impedisce a questa colonna di liquame di rifluire nel trituratore.

Tuttavia se si dovessero verificare intasamenti dell'apparecchio o se si ha il sospetto che all'interno del sanitrit vi sia del materiale organico che non riesce ad essere smaltito p.

Vi ripeto, l'utilizzo dell'acido è sconsigliato dalla casa madre, ma teniamo comunque a mente che questi non sono apparecchi pensati per durare in eterno.

Le misure dello scarico lavatrice e del tubo dell’acqua

Ritengo comunque sia giusto fare un elenco di vantaggi che potrebbero non apparire evidenti ad una prima valutazione: l'installazione di un sanitrit, a giudizio di chi scrive, è un beneficio per i condotti di scarico condominiali: il sanitrit infatti fa da "filtro" contro ogni potenziale oggetto inidoneo ad essere gettato nel wc in questo caso è il sanitrit a danneggiarsi e non la condotta condominiale e, in ogni caso, immette nelle colonne solo liquame già triturato, eliminando quindi il rischio di intasamento.

Il sanitrit inoltre dilaziona nel tempo l'espulsione di liquame non arriva cioè lo scarico del wc tutto insieme evitando il rischio di contemporaneità di scarichi nella stessa colonna fecale da parte di più bagni.

Poi mi sembra giusto fare un elenco non tanto di vantaggi o svantaggi quanto di consigli o, ancora meglio, suggerimenti basati dall'esperienza nella progettazione e nella direzione lavori: il primo punto più che un consiglio è una regola generale: fate rispettare dall'installatore tassativamente tutte le prescrizioni della scheda tecnica d'installazione.

Potrebbe sembrare una cosa superflua ma fuggite da un installatore che vi dice che non serve vedere le schede tecniche ma il modo di realizzare il condotto di scarico non è ovvio, perchè in fin dei conti non si tratta di fare uno scarico tradizionale.

Il tratto verticale del sanitrit deve essere fatto in tubazione di scarico che regge un minimo di pressione: quindi sarebbe ideale la tecnologia a tubi saldati. Il tubo di scarico orizzontale è meglio che venga portato direttamente alla colonna fecale, senza intercettare altri scarichi non sanitrit.

Comunque queste indicazioni sono tutte contenute nella scheda tecnica, appunto. Di sanitrit ce ne sono diversi tipi ma sono divisibili in due macro-categorie: quelli "tradizionali" che vanno dietro al vaso e rimangono a vista, e quelli che vanno ad incasso in una nicchia poco profonda circa 12cm e che quindi risultano a scomparsa totale.

Ovviamente, questi ultimi sono i prediletti dai progettisti perché consentono di realizzare un bagno con un estetica identica a quella di un bagno tradizionale, ma comunque il fatto di avere il sanitrit dietro al vaso costringe a spostare il vaso in avanti e questo potrebbe essere limitativo in bagni di piccole dimensioni. Il sanitrit da incasso non necessariamente deve stare dietro al wc, ma è bene che non ne stia molto distante.

Se i due wc fossero scaricati contemporaneamente il sanitrit potrebbe andare in crisi non riuscendo a smaltire tutto il liquame in arrivo.

Ebbene, la questione è controversa. Alcuni modelli di sanitrit hanno una vera e propria presa d'aria, poiché nel momento in cui evacqua l'acqua contenuta nel vano del sanitrit, deve essere immessa aria all'interno del volume altrimenti si crea un vuoto che la piccola pompa non è in grado di gestire: quindi da qualche parte quest'aria deve entrare.

Potremmo infatti avere una casa in campagna di mq ma con un solo sanitario e quindi la relativa tubazione di scarico sarà di piccole dimensioni. Il lavoro consta infatti dei seguenti passaggi: Smontare i sanitari e gli elettrodomestici. Smantellamento piastrelle e pavimento. Rifacimento impianto. Chiusura dei buchi con intonaco e nuova posa delle piastrelle.

Per sapere dove passano gli impianti è sempre ottimo consiglio far tracciare una mappa e registrare su dvd dove gli idraulici hanno fatto passare le tubature. Negli impianti a doppia tubazione invece sono convogliate attraverso diversi sistemi di tubazioni. È il caso ad esempio dello spostamento del bagno in altro locale o della realizzazione di un nuovo servizio igienico.

Spostare gli scarichi: tutte le cose che devi sapere

Posizionare un water lontano dalla colonna di scarico significa dover assicurare alle tubazioni orizzontali la necessaria pendenza. La parete dovrà comunque avere uno spessore di almeno 20 cm, per cui, se lo spessore è inferiore, sarà necessario realizzare una controparete anche solo per il tratto in cui sono posti i sanitari.

In ogni caso, è tecnicamente sconsigliato spostare il vaso a più di 4 metri dalla fecale esistente perché si rischia di avere una ventilazione insufficiente delle tubazioni della colonna di scarico con la conseguente possibilità di cattivi odori. Come spostare gli scarichi della cucina In linea generale, valgono per le tubazioni di scarico delle acque sporche della cucina le stesse prescrizioni illustrate per il bagno.

Sfruttando questo metodo, le acque reflue ricevono la necessaria spinta, sia verticalmente sia orizzontalmente, per raggiungere la rete fognaria.


Articoli simili: