Oldtimesro.net

Oldtimesro.net

Partition wizard italiano scarica

Posted on Author Durr Posted in Software

  1. MiniTool Partition Wizard DOWNLOAD GRATIS Windows 10: Partizionare e gestire un disco
  2. Partition Wizard
  3. Opinioni su Partition Wizard

Download MiniTool Partition Wizard Free Ripristina le partizioni di qualunque hard disk interno o esterno. MiniTool Partition Wizard è uno strumento di. Download Partition Wizard Home. Una utility per la creazione e la gestione delle partizioni dei dischi. A volte è difficile trovare un programma per. Partition Wizard MiniTool – un potente software per l'opera completa con i dischi rigidi. Il software consente di creare, cancellare, spostare, convertire e. MiniTool Partition è un programma di gestione delle partizioni per unità disco rigido sviluppato da MiniTool Solution. Il software consente di.

Nome: partition wizard italiano scarica
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
Licenza: Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 35.65 Megabytes

Guida per la creazioni di partizioni in Windows. Guida molto semplice per creare partizioni. E' un bellissimo bootmanager, che consente di avviare la partizione desiderata sul proprio pc, o anche di scegliere diverse periferiche di avvio, come per esempio floppy, usb, hard disk diversi, ecc. E' anche possibile avviarlo tramite floppy disk, cosa utile per le macchine più datate.

Se si utilizza la versione da CD o comunque non installata , la scelta fatta non verrà salvata, ma ogni volta si ripartirà da zero cioé al boot ci verrà fatto scegliere quale periferica avviare. NOTA : Lo metto in questa categoria, non avendo al momento una categoria specifica sui boot-manager.

Per tenere sotto controllo la salute del disco o dei dischi installati sul PC, è buona norma effettuare un test della superficie.

Apparirà una schermata che permetterà di impostare le nuove dimensioni per le partizioni interessate. Una volta tornati nella finestra principale, si dovrà cliccare sul pulsante Apply il primo da sinistra , per avviare la scrittura della nuova tabella delle partizioni. Se invece ci abbiamo ripensato, sarà sufficiente cliccare su Discard per abbandonare le modifiche. Questa operazione si rivela molto utile quando si vende un PC o anche soltanto un disco rigido.

Anche formattando i dischi, infatti, è spesso possibile recuperare i dati o, almeno, una parte di essi. Effettuando un wipe , invece, si è molto più sicuri che questi non potranno essere recuperati.

MiniTool Partition Wizard DOWNLOAD GRATIS Windows 10: Partizionare e gestire un disco

Effettuare questa operazione con Partition Wizard è semplicissimo. Sul sito madre è disponibile anche una versione commerciale più performante che vi invitiamo a valutare in base alle vostre necessità Il software è piccolo e si installa velocemente senza alcun problema, dopodiché starà a voi lanciarlo per la prima volta.

La schermata di avvio è una sorta di vetrina virtuale per la presentazione delle novità e per l'assistenza online, oltre che per il lancio vero e proprio del programma, come indicato dal riquadro in rosso.

La finestra illustra i dischi fissi individuati al centro, suddivisi riga per riga e all'interno di ognuno partizione dopo partizione, esponendo cosi una struttura gerarchica facilmente comprensibile.

Sulla sinistra è presente un elenco di funzionalità presenti nel programma: infatti oltre alla gestione delle dimensioni delle partizioni di cui ci stiamo occupando in questa guida, è in grado di copiare una partizione su un supporto a vostra scelta, migrare il sistema operativo su un disco diverso anche SSD , recuperare una partizione backuppata o danneggiata, copiare un intero disco e molto altro.

In ogni caso torniamo all'obiettivo prefisso dalla guida e concentriamoci sui dischi rigidi presenti L'obiettivo della guida a scopo didattico:.

Partition Wizard

Prima di operare un ridimensionamento delle partizioni occorre ovviamente esaminare la situazione di partenza, e quella seguente era la mia Sul mio PC sono presenti 2 dischi fissi , identificati su MiniTool Partition Wizard come due righe e che ho etichettato, per facilitare la comprensione, come Disco 1 e Disco 2. Nel Disco 1 sono presenti 3 riquadri, oguno dei quali identifica una partizione: la prima è riservata al sistema operativo ed è pari a MB piccolissima quindi.

Il terzo riquadro del Disco 1 è la partizione E: , dove tengo i dati non essenziali musica, documenti, archivi, etc etc. Nel Disco 2 invece è visibile un solo riquadro, quindi una sola unica grande partizione denominata D:. Essendo un disco diverso da quello principale che tengo solo per finalità di backup dei miei lavori, non era indispensabile partizionarlo.

Come operare il ridimensionamento della partizione C:. La partizione seguente, ovvero E: , sempre sullo stesso disco, era un po piu grande e leggermente più libera, per cui ho pensato di sottrarre dello spazio dalla partizione E: in favore della partizione C: , da cui ne deriva un principio fondamentale:.

E' possibile spostare spazio solamente tra partizioni adiacenti e residenti sullo stesso identico disco fisso.

Non è quindi possibile spostare spazio tra dischi diversi ed io non avrei potuto dunque spostare spazio dal Disco 2 al Disco 1 in quanto di fatto sono fisicamente due dischi distinti e separati.

Opinioni su Partition Wizard

Ecco la situazione in chiaro rappresentata graficamente:. Si aprirà una nuova form di dettaglio in cui ci sarà chiesto cosa fare della partizione selezionata, ovvero la E:. Per ridurre questa partizione sarà sufficiente trascinare la barra selezionado la sua estremità sinistra e trascinandola verso destra con l'aiuto del mouse. Si parte da sinistra in quanto lo spazio cosi sottratto sarà disponibile tra la partizione C: che sta a sinistra della partizione selezionata e la partizione E:.

Non sarebbe invece possibile trascinare la barra dal lato destro in quanto la partizione E: è l'ultima e pertanto non presenta partizioni successive alla sua destra da poter gestire.

Se avessi avuto una partizione F:, quindi successiva alla partizione E:, sarebbe stato possibile ridurre la barra della partizione E: anche partendo da destra, ma lo spazio rilasciato sarebbe stato a disposizione solamente della partizione successiva, ovvero la F:.

In sostanza la disposizione delle partizioni visualizzata è come un arco temporale in cui le partizioni sono elencate in ordine alfabetico da sinistra a destra. Se il concetto non è chiaro, è possibile utilizzare anche gli indicatori numerici posti sotto alla barra ma il trascinamento è senza dubbio più semplice e rapido.

Come è facile comprendere, a sinistra della partizione E: selezionata adesso c'è uno spazio vuoto, di circa 5 GB come indicato nell'indicatore numerico sottostante. Confermiamo l'operazione quando siamo convinti di avere operato un ridimensionamento corretto premendo sul bottone OK.

La situazione delle partizione nella schermata principale si aggiorna istantaneamente e indica in modo chiaro che 5 GB di spazio sono stati sottratti e sono ora liberi per essere riassegnati.

E' dunque obbligatorio assegnarlo a questo punto ad una diversa partizione rispetto a quella originaria Le operazioni sono le stesse identiche ma inverse Si aprirà nuovamente la form del dettaglio operazione, stavolta della partizione C:. Per gli stessi motivi spiegati precedentemente, trasciniamo la barra della partizione C: dalla sua estremità usando stavolta quella di destra, come per allungarla Come nel precedente passaggio confermiamo l'operazione premendo il bottone OK.

Vediamo ora come si presenterebbe la struttura delle partizioni dopo le operazioni condotte. La partizione C: è stata incrementata come desiderato a svantaggio della partizione E:. Infatti tutte le operazioni sinora condotte hanno bisogno di essere confermate per divenire realtà, altrimenti saranno valse ad una mera simulazione.

L'utente ha dunque facoltà di pensarci, vedere il risultato in una anteprima e confermare oppure annullare tutto come se nulla fosse successo Confermano le operazioni, la nuova struttura appena progettata sarà consolidata sui dischi rigidi.

Un'ultima finestra chiede per l'ultima volta la conferma dell'utente Confermando anche questa volta, le operazioni saranno avviate, in modo automatico e piuttosto veloce, anche se ovviamente la velocità è direttamente proporzionale al volume del cambiamento indicato dall'utente.


Articoli simili: